Qui non ci sono le fuel cell, c'e solo un condotto strettissimo (molto piu' stretto dei condotti che portano il kerosene al bruciatore) da cui fuoriesce l'idrogeno stipato ad altissima pressione nei serbatoi alari. Mescolato con l'ossigeno presente nell'aria da' un poderoso impulso al propulsore.

Unico neo sono i fulmini che se colpiscono un'aereo siffatto lo fanno esplodere, dunque bisogna trovare un sistema di parafulmini alari che distribuiscano la carica elettrica del fulmine su tutta la superficie dell'aeromobile, impedendogli di entrare in contatto con l'idrogeno che e' nei serbatoi.

Opinioni in merito sono gradite.

Regards,

Doct. The frog

Visualizzazioni: 1

Contribuisci alla discussione

 


© 2011 Creato daa KNOW NET S.r.l. — P.IVA 02932470137.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

Attenzione!

I Forum sono stati creati per discutere argomenti di interesse comune tra i membri di Officine Italiane Innovazione.

Essi non sono appropriati per la diffusione di iniziative o proposte.

Per promuovere le Tue iniziative utilizza Bacheca Business Plus: solo così i Tuoi annunci verranno visualizzati in prima pagina e inoltrati a oltre 13.000 imprenditori.

Non ora