COME VENDERE IN GERMANIA - Il lavoro del giudizio

La Germania è interessante, perchè è sempre la locomotiva d’Europa.

 

E verso noi italiani esiste da parte tedesca una considerazione positiva legata al gusto, alla creatività, all’intraprendenza che può rappresentare un tassello importante per un rapporto basato sulla stima reciproca.

 

Ma così come in tutte le attività umane e professionali, è necessario avere l’umiltà di seguire passo dopo passo i punti di un percorso per raggiungere gli obiettivi prefissati.

 

Partendo dai fondamentali!

 

Prendere su la valigia – metaforica ma neanche troppo – e cominciare a frequentare le fiere del proprio settore; passare poi dal ruolo di visitatore a quello, più impegnativo, di espositore, rischiando tempo e denaro. Per questo, almeno le prime volte, può essere particolarmente conveniente ripartire i costi di partecipazione utilizzando soluzioni comuni. Arrivare “in cordata” non è un di meno, anzi, per chi è poco esperto, è una grande garanzia di sicurezza, proprio come in montagna.

 

Infine, impariamo a sfruttare il meccanismo del B2Fair; un modo intelligente per non andare allo sbaraglio, ma finalizzare gli incontri con aziende preselezionate, potenzialmente interessate alle nostre proposte.

 

Nei post della settimana è stata data evidenza delle principali Fiere di settore; coloro che pensano di andarci lo segnalino sulle Officine. Potrebbe diventare occasione per iniziare un rapporto.

Visualizzazioni: 509

Commento

Devi essere membro di Officine Italiane Innovazione per aggiungere commenti!

Partecipa a Officine Italiane Innovazione

 


© 2011 Creato daa KNOW NET S.r.l. — P.IVA 02932470137.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

Attenzione!

I Forum sono stati creati per discutere argomenti di interesse comune tra i membri di Officine Italiane Innovazione.

Essi non sono appropriati per la diffusione di iniziative o proposte.

Per promuovere le Tue iniziative utilizza Bacheca Business Plus: solo così i Tuoi annunci verranno visualizzati in prima pagina e inoltrati a oltre 13.000 imprenditori.

Non ora